• Pubblicata il
  • Autore: Feetness
  • Pubblicata il
  • Autore: Feetness

I piedini di Erika - Alessandria Trasgressiva

La mia storia è breve ma intensa. Sono un frequentatore assiduo di questo splendido sito e mi firmo con il nome di Feetness,(un gioco di parole x accomunare la mia passione per i piedi e il mio lavoro di personal trainer in palestra).

Ho scritto alcune storie di esperienze che ho avuto e voglio continuare... Perchè in questo ultimo anno me ne sono successe di tutti i colori.
Allora in 2 parole io sono un personal trainer feticista, molto fisicato, molto piacente e molto maiale. Grazie al mio lavoro posso esaudire quasi tutte le mie fantasie e divertirmi.
Praticamente l'80% della mia clientela è composta da donne in cerca di trasgressioni, il restante tra froci arrapati e etero arrapati.
Insomma, vi racconto di quella volta con la bellissima Erika.
Erika è una mia cliente affezionata. 43 anni, mora, sposata da una vita, 2 figlie e un marito sfigato e panzuto che frequenta la palestra nel serale.
Devo essere sincero. Quando Erika è venuta da me era un cesso. Magra come la consolazione degli italiani dopo le elezioni, occhialuta e timida da far paura. Dovevo tirarle fuori le parole di bocca cazzo!

Insomma, un caso disperato. Se non che, grazie al mio aiuto e soprattutto alla sua costanza e determinazione, nel giro di 8/10 mesi è diventata davvero una bella figa.

E' ingrassata, nel senso che ha messo su delle belle forme da donna sexy! Un culo da favola, 2 belle tette da ciucciare e un viso da gran porca. Per non parlare dei piedi...
Glieli vidi sin dai primi allenamenti, ma era talmente ammoscia cazzi che nonostante li avesse belli, non riuscivo a farci niente. Quindi con lei mi concentrai solo sugli allenamenti e infatti i risultati sono arrivati.
E' ovvio che un tipo di donna come lei è facile da "manipolare". E' arrivata che era timida e un cesso e adesso è estroversa, figa e troia. Niente male no?
Ogni volta che raggiungeva un traguardo fisico, mi faceva regalini, mi scriveva letterine, ecc...
Mi ha sempre fatto tenerezza. Poi da quando è diventata figa, ho sempre voluto farmela e sinceramente avrei potuto averla in qualsiasi momento. Era lampante che sin dal primo giorno si era invaghita del sottoscritto. Ragazzi, io l'ho aiutata ad avere fiducia in se stessa. Con me si è aperta, si è lasciata andare, ha perso tutte le seghe mentali, ha ammesso che non prova più niente per il marito e ha riscoperto una cosa fondamentale: il sesso...ora vi spiego :)
Qualche settimana fa, si presenta alle 9 di mattina per il nostro solito appuntamento. Apro una parentesi; lei sa benissimo che io sono un feticista e che me le trombo tutte, perchè comunque durante i nostri incontri dove lei si apriva con me, anche io lo facevo con lei.
Chiusa la parentesi.
Insomma, arriva e si presenta nel mio ufficietto con 2 cappuccini caldi in mano. Entra, chiude la porta e si siete davanti alla mia scrivania. Beviamo i cappuccini, parliamo del più e del meno. Ad un certo punto lei cambia espressione e mi chiede: "ma quante donne entrano qui dentro e se ne escono con la tua sborra sui loro piedi?"
Wow!!! Cazzo io sono abituato a donne dirette e maiale, ma credetemi, io proprio una cosa del genere da lei non me la sarei mai e poi mai aspettata! Infatti rimasi li come un cretino. Poi lei incalzò: " Wow! Così tante? Hai perso il numero?" e si mise a ridere...
Allora io, in preda al testosterone dissi: "che cazzo ridi? fatti i cazzi tuoi troia".
Non l'avessimai detto! Si è alzata in piedi e si è letteralmente buttata addosso a me dicendomi: "e se volessi farmi il cazzo tuo?eh?" Era sopra di me, ci baciavamo con ardente passione, e lei cercava in tutti i modi di prendermelo in mano. Me lo tirò fuori e cominciò a segarmi di brutto. Quanto mi piaceva! WOW!
Mi alzai in piedi con lei sempre avvinghiata a me e la poggiai sulla scrivania. Le sfilai gli stivaletti e subito un'aroma intenso e arrapante mi invase. Ero in ecstasy. Cominciai a leccarle quei piedi sudati, a succhiarli, a morderli... Lei cominciò a toccarsi. Poi con un morso le ruppi i collant e assaporai quei piedini in tutto il loro sapore. Smaltati di un rosso fuoco, mi avevano eccitato così tanto che io mio cazzo crebbe a dismisura e lei smise di toccarsi, mi tolse i piedi dalla bocca molto delicatamente e prese a succhiarmelo. La fermai un'attimo, la feci sedere sulla mia poltrona e io mi appoggia davanti a lei con il cazzo in tiro. Adesso la posizione era decisamente più comoda e infatti lei potè dar sfogo a tutte le sue incredibili capacità orali. Me lo succhiava, poi scendeva verso le palle, poi di nuovo su concentrandosi sul frenulo e di nuovo giù verso le palle...
Uno dei migliori pompini in assoluto della mia vita. Dopo esattamente 15 minuti di pompino stellare, era arrivato il momento di sfondarla. Non è che ho preso il tempo volutamente, ma avevo davanti a me l'orologio e ho visto quanto tempo era passato.
Si alza in piedi, la faccio mettere dove ero io ma con la mani poggiate sulla scrivania e da dietro comincio a sbatterla. La scopavo da dietro come uno stantuffo e le sgrillettavo la figa con la mano. Era bagnatissima. Credevo di aver messo la mano in un barattolo di marmellata incandescente. Mio dio quanto era bagnata. E poi con l'altra mano le tappavo la bocca perchè questa gemeva come una liceale troia. Le cosa che più mi piaceva era sentirla pronunciare frasi assurde tipo: "scopami si si si , di più sfondami! sono una troia sono una troia sono una porca voglio essere la tua porca, scopami, fammi godere! ti ho voluto dal primo giorno! ho fatto tutto questo per piacerti! scopami stallone..." Mi rendo conto che il linguaggio è un pò da filmini erotici anni 80, ma d'altronde c'ha 43 anni...
Beh, mentre solo li che la sto scopando da dietro, la giro e la metto nella mia posizione preferita, ovvero, lei sotto e io sopra con i suoi piedi nella mia bocca. Quando scopo e ciuccio un piede, la mia libido diventa incontrollabile e infatti le stavo sferrando dei colpi micidiali che ad un certo punto l'hanno costretta a dirmi basta! Le faceva male la figa. Era depilata e la labbra infatti erano rosse fuoco e gonfie come quelle di alba parietti..(quelle in faccia intento).

Ci fermiamo, ma lei vuole a tutti i costi farmi sborrare. Io però decido di fare una cosa che non faccio quasi mai, ovvero, di mangiarle la figa. La stendo sulla scrivania e comincio a massaggiare la sua figa con la mia lingua. Si contorce, mi guarda, porta la testa indietro, ansima, si morde le labbra, ecc... E' una figa buonissima e calda ed è un piacere assaporarla. Dopo averla fatta venire di nuovo decido che è il mio turno. La lascio sdraiata, mi siedo e riprendo a ciucciarle i piedini mentre mi sego vorticosamente. Lei mi guarda tutta eccitata e comincia a dirmi cose per farmi raggiungere l'orgasmo velocemente. Ci siamo, sto per imbrattarle i piedi, solo che appena capisce che sto per venire, si lancia verso si me e me lo prende in bocca bevendo tutto!
Oh sii!! Ha ingoiato tutto. Alla goccia! Mentre sta li in ginocchio a leccare la mia cappella guardandomi in faccia, capisco che quello è l'inizio della fine... Nel senso che da li in poi abbiamo cominciato a scopare alla grande ogni volta che lei veniva ad allenarsi e a poco a poco lei perderà la sua bella forma e tornerà ad essere il cesso del cazzo che era prima.

Vabè, finchè mi diverto io va tutto bene.
Alla prossima...


Feetness

Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, cliccando qui!
07/06/2013 11:53

io

Adesso mi devi spiegare in palestra come caxxo fai a vedere i piedi ad una persona. perhcè devi sparare tutte se cazzate? anch'io sono un personal ma se scopate che dici tu nn le faccio,solo da me non vien80% delle donne. Ma vallo a prendere in culo frocio

Per commentare registrati o effettua il login

Accedi
Registrati